Il seguente testo è stato pubblicato sulla pagina di Facebook della discoteca Bolgia in seguito alla puntata di matrix ” Morto in discoteca ” del 3 Maggio 2012

Buona sera, sono Tonino Vecchi legale rappresentante della discoteca Bolgia di Osio Sopra (Bg).

Scrivo in merito alla puntata mandata in onda ieri  03 c.m.con il titolo “MORTE IN DISCOTECA”. Premesso che la mattina del medesimo giorno  ad una vostra collaboratrice ho rilasciato  unitamente a mio filglio Giordano una lunga e dettagliata intervista in merito alla morte del giovane  Nakky, alla figura dello stesso evidenziando documentalmente esibendo copie della sua pagina Facebook che già in data 8 luglio 2011 scriveva  “sono collassato e volevano chiamare l’ambulanza” – in data 01 settembre 2011 scriveva ” cercasi toons” (droga) tre mesi prima della sua morte il 2 febbraio scriveva “per andare in paradiso bisogna essere strafatti” e via dicendo , oltre che condividere video intitolati “LSD overdose , due sballati al college”  ecc… e  più  in generale in merito a tutte le problematiche attinenti il consumo di sostanze illegali e di prevenzione e repressione con particolare riferimento a tutte le azioni di estrema avanguardia messe  in atto nella nostra discoteca , allegando una copiosa documentazione HO PURTROPPO VISTO UNA TRASMISSIONE TENDENZIOSA dove a fronte del titolo fisso sullo schermo “MORTE IN DISCOTECA” venivano trasmesse immagini per nulla attinenti raffiguranti un mega-evento svolto al Centro Congressi  Salone Delle Fontane  di Roma  (un’area dove è possibile organizzare convention, meeting , esposizioni , roadshovv , ecc) che nulla a che fare con le discoteche  – raffiguranti birrerie e pub  , che nulla hanno a che fare con le discoteche –  raffiguranti centri sociali  ” intoccabili ” ove regna l’anarchia, che nulla hanno a che fare con le discoteche –  i bagni di un after abusivo a Milano che nulla centra con le discoteche.

Unica nota di merito la presenza di Claudio Coccoluto – uno contro tutti – puntualmente zittito ogni qualvolta intendeva affrontare il problema in senso laico e senza preconcetti. Bravo il conduttore ALESSIO VINCI,  il popolo voleva il colpevole, e lui non ha mancato di darglielo , LE DISCOTECHE. Ovvio che ignorerete questo mio scritto, ma fin da ora sappiate che  questo scritto sarà divulgato sulla rete , LIBERAMENTE E  SENZA CENSURA.

Osio Sopra .04-maggio 2012

TONINO  VECCHI

 

Cosa ne pensate? lasciate un vostro commento!